Recupera le perdite sui Contratti derivati!

Chiamaci allo 06 9442 9500

L’oggetto del contratto di Swap non è il Mark to Market, ma uno scambio di differenziali

L’oggetto del contratto di Swap non è il Mark to Market, ma uno scambio di differenziali

In alcune pronunzie dei tribunali di merito è stata confutata l’essenzialità del Mark to Market nell’ambito dell’oggetto contrattuale, sul fondamento che effettivo oggetto della prestazione sia lo scambio dei differenziali, tale per cui sarebbe sempre possibile stabilire con precisione quanto una parte debba all’altra; sovente si legge che il Mark to Market, peraltro, non ha alcuna influenza al momento della stipula, essendo un elemento successivo ed eventuale solo in caso di anticipata estinzione del prodotto.

Tale assunto è sicuramente suggestivo, seppur ad una più attenta disamina si rivela sostanzialmente incompleto.

Se, infatti, è sicuramente un dato di fatto che la prestazione di un IRS confluisca in uno scambio di differenziali, deve tuttavia rilevarsi come tale scambio avvenga sulla base di parametri ed indici che sono a monte influenzati dai valori iniziali pattuiti in contratto.

Ogni flusso di pagamenti, pertanto, è composto sia da una quota finanziaria sia da una quota di margine d’utilità per l’istituto, applicata quale maggiorazione iniziale del parametro. Se non si definisce il valore del Mark to Market e, quindi, la quota componente di costi diversi dal flusso finanziario risulta, di fatto, impossibile scomporre di volta in volta il prodotto.

Cionondimeno, se in merito ai costi contrattuali che non vengono applicati una tantum alla stipula, ma incidono direttamente sulla quantificazione dei parametri negoziali dei flussi, non risulta raggiunto un accordo in quanto omessi dal regolamento negoziale, l’intera prestazione ne viene inficiata giacché la carenza di volontà negoziale sul punto si ripercuoterà su ciascuno scambio differenziale futuro (sia positivo che negativo), senza alcuna possibilità di ripartire le varie componenti.

In conclusione, è evidente che qualora il Mark to Market ed il suo modello di pricing siano ignoti risulterà viziata l’intera prestazione, e come ampiamente argomentato nei precedenti approfondimenti il contratto si rivela soggetto ad una nullità assoluta ed insanabile.

…continua (prossima settimana)

FD srl

Webmaster

I commenti sono chiusi