Recupera le perdite sui Contratti derivati!

Chiamaci allo 06 9442 9500

I costi (non sempre) impliciti dei contratti derivati – una mosca bianca

I costi (non sempre) impliciti dei contratti derivati – una mosca bianca

Più volte abbiamo sostenuto che i contratti derivati, dai plain vanilla più semplici a quelli più strutturati, comportano per il sottoscrittore costi impliciti (recte occulti), spesso tali da creare uno sbilanciamento iniziale dell’alea contrattuale.

Li abbiamo definiti “occulti” in quanto essi vengono celati dietro il dato finale del derivato pagato dal cliente, indifferentemente che si tratti di un tasso o il prezzo di una commodity o altro; dato finale che sovente è scollegato dai parametri di mercato alla data di conclusione.

La differenza che c’è tra il parametro di riferimento ed il mercato è data da due tipologie di costi:

  • Hedging cost, ossia il costo della copertura e del rischio
  • Mark Up, ossia la remunerazione per l’intermediario

Sono costi quasi sempre presenti, che alcuni Tribunali in talune isolate pronunce hanno addirittura definito “ovvi e scontati”, ma che sbilanciano significativamente l’alea assunta dal Cliente, ignaro di tutto questo.

E’ stato quindi con stupore che, dopo decine e decine di contratti esaminati, ci siamo imbattuti in una mosca bianca, ossia un contratto che – finalmente – individua con precisione e con esatta quantificazione quali sono i reali costi sostenuti dal cliente per la sottoscrizione del contratto, in modo da permettere una assunzione del rischio perfettamente consapevole.

 Ebbene, tutti i contratti dovrebbero essere così.

FD srl

Webmaster

I commenti sono chiusi